Comunicato Stampa del 30/05/13

comunicato stampaL’associazione D.E.L.O.S. (Diritti Uguaglianza Libertà di Orientamento Sessuale) si congratula con Everardo Dal Maso per i consensi ottenuti e per il suo ingresso nel Consiglio Comunale della città di Vicenza. Auguriamo ad Everardo un buon lavoro come consigliere comunale, affinché possa dare voce alle istanze della comunità LGBTQI di Vicenza e contribuire alla creazione di una città sempre più inclusiva e rispettosa delle differenze.

 

Complimenti anche a Mattia Stella che ha ottenuto un importante riscontro di stima da parte di molti concittadini.

Siamo felici che l’impegno per i diritti civili che queste persone portano avanti sappia coinvolgere e motivare molti Vicentini (e non solo) e ci auguriamo che possa crescere instancabilmente per una società sempre più evoluta ed attenta ai bisogni di tutti.

Comunicato Stampa ViP del 24/05/13

Riportiamo di seguito il Comunicato Stampa del Vicenza Pride che DELOS, come moltissime altre realtà, ha sottoscritto e firmato.

------------- COMUNICATO

Volantino No ViP 18052013

Nei giorni scorsi, l’associazione Veneto Fronte Skinhead ha distribuito di fronte a due scuole di Vicenza un volantino contenente discorsi ostili verso la manifestazione Vicenza Pride e verso le persone omosessuali. Attraverso questo comunicato affermiamo l’importanza del Pride come momento di visibilità e di rivendicazione dei diritti delle persone lesbiche, gay, bisessuali, transgender/transessuali, queer e intersessuali (LGBTQI). La nostra società è caratterizzata da una continua evoluzione dei modi di vita e di convivenza. Il riconoscimento di nuove forme di affettività e di famiglia, sia omosessuali che eterosessuali, costituisce una fonte di arricchimento civile e culturale. A ciò si accompagna l’esigenza di estendere il diritto a vedere realizzato il proprio desiderio di maternità e di paternità, nella consapevolezza che l’orientamento sessuale non ha nulla a che fare con la capacità di essere un buon genitore. Inoltre, è urgente garantire a tutte e a tutti il diritto a non essere discriminate/i in ragione del proprio orientamento sessuale e della propria identità di genere. Riteniamo che il Pride sia lo strumento idoneo per attirare l’attenzione della cittadinanza e delle istituzioni sulla centralità di questi diritti, il cui riconoscimento è divenuto un passaggio imprescindibile per la crescita civile della nostra società. Da mesi le associazioni organizzatrici del Pride sono impegnate nella realizzazione di incontri su queste tematiche, rivolti alle scuole e alla cittadinanza in generale. Attraverso questa lettera esprimiamo piena solidarietà nei confronti della comunità LGBTQI e saremo presenti il 15 giugno 2013 al Vicenza Pride per manifestare nel nome del superamento di ogni forma di discriminazione e di pregiudizio. Firmato ACAT Vicenza ADL Cobas Vicenza, Montecchio, Schio Agedo Parma Agedo Veneto - Associazione Genitori di Omosessuali Aldo Prestipino (Presidente Festambiente Vicenza) Antéros LGBTI – Padova Antonella Mangano (gruppo teatrale Le folli organizzate) Arcigay Omphalos - Perugia Arcigay Pianeta Urano - Verona Arcigay Tralaltro - Padova ArciLesbica Nazionale Arcilesbica Il Riparo - Padova Arcilesbica Queerquilia - Treviso Arcilesbica L'Araba Fenice - Verona Assemblea Permanente We Want Sex Associazione Arci - Vicenza Associazione Coscioni - Vicenza Associazione Gattorosso - Schio (VI) Associazione La Clessidra - Montecchio Maggiore (VI) Aurelio Mancuso (Presidente Equality Italia) Centrale Fies Centro Sociale Occupato Pedro di Padova CGIL Circolo Mario Mieli Circolo Pink GLBTE Circolo UAAR - Vicenza Comitato Vicenza Pride Coordinamento studentesco - Schio C.S. Bocciodromo C.S.A. Arcadia – Schio Daniela Ruffini (Presidente del Consiglio comunale di Padova) Delos GLBTEQ – Vicenza Donne in rete per la pace E20 Underground Entrata d'emergenza Famiglie Arcobaleno Gaylib Gruppo Lieviti La Parola Liliana Zaltron e Movimento 5 Stelle - Vicenza Lorenzo Bernini (Università di Verona) Mariana Danazzo Marina Bergamin - segretaria generale CGIL Vicenza Maurice GLBTQ Metamorfosi Gallery Milk LGBT Community Center - Verona MondoQ - Giornate di Cinema e Cultura Omosessuale e Queer - Padova No Dal Molin Nuovo Circolo Mesa Olivia Guaraldo (Università di Verona) Ottavia Voza (Presidente di Arcigay "Marcella Di Folco" di Salerno e Responsabile  Arcigay per i Diritti delle persone Trans) Partito di Alternativa Comunista PD Vicenza Polis Aperta Rete Genitori Rainbow Rifondazione Comunista Vicenza Shake LGBTE – Conegliano Sinistra Ecologia e Libertà Vicenza Valentina Dovigo

 

 

 

Comunicato stampa del 30 11 2012

Riportiamo di seguito il comunicato stampa appena inviato al Giornale di Vicenza ed a TVA (una dichiarazione è stata rilasciata al Corriere del Veneto che ha contattato la nostra associazione a tal proposito):

L’Ass. D.E.L.O.S. ed il Comitato Vicenza Pride esprimono la loro solidarietà al giovane ragazzo vittima di azioni di bullismo per la sua presunta omosessualità.
La discriminazione attiva e talvolta violenta non può essere giustificata in nessun modo, essa rischia di indurre chi la subisce a rischi a breve e lungo termine di diversa natura.
Inoltre non sono: abbigliamento, gusti musicali, sport …a determinare l’orientamento sessuale di un/a ragazzo/a, in particolare in quella fase della nostra crescita in cui le domande interiori superano le risposte che ci giungono dall’esterno, contribuendo ad un particolare stato di fragilità o insicurezza.
A nostro avviso bene hanno fatto i genitori ad intervenire coinvolgendo le autorità, e speriamo questo possa essere di esempio a chi dovesse in futuro affrontare una simile situazione.
E’ necessario che chiunque subisce atti di bullismo trovi sostegno da parte della famiglia, scuola e territorio in un’ottica di corresponsabilità affinché il trauma subìto possa essere superato con maggiore serenità; le Associazioni DELOS e Vicenza Pride promuovono e sostengono iniziative mirate anche negli istituti scolastici.
Firmato 
Staff delos

lettera GdV del 25/07/2012

Riportiamo di seguito la lettera pubblicata sul GdV in data odierna 

SOCIETÀ

«L´omosessualità non è malattia e non necessita di cure»

mercoledì 25 luglio 2012 LETTERE, pagina 57

Nella lettera pubblicata il 23 luglio il signor Corrà azzarda un paragone tra il Gay Pride ed eventuali parate a sostegno della diffusione di alcolici o sostanze stupefacenti ai minori, dimenticando che manifestare per diritti ed eguaglianza è legale e costituzionale, mentre nel secondo caso parliamo esclusivamente di reati.
Inoltre il dott. Corrà dimentica che L´American Psychiatric Association ha rimosso l´omosessualità dal D.S.M. (Manuale diagnostico e statistico dei disordini mentali) già nel 1973, decisione poi confermata dall´O.M.S. (Organizzazione Mondiale della Salute) nel 1990. Non essendo quindi l´omosessualità una malattia, non ci é chiaro per quale motivo debba essere curata; serve poco anche cercare riscontro nel racconto di Sodoma e Gomorra visto che in esso si condanna ben altro. Il passato ed il presente sono costellati dalle macabre e funeste azioni di chi ha ritenuto che omosessuali e lesbiche dovessero essere sottoposti a cure di ogni tipo: dagli indicibili esperimenti del dott. Vernaet nei lager, alle famose terapie del dott. Nicolosi, passando per il contributo politico di chi come il sindaco di Treviso Gentilini diede disposizione al comandante dei vigili urbani affinché fosse eseguita la pulizia etnica dei “culattoni”. Il Gay Pride a Bassano é stata una civile manifestazione per quei diritti ancora oggi negati alla comunità LGBT come ad esempio quello al matrimonio, vi hanno aderito non solo i diretti interessati, ma anche molti altri cittadini e famiglie. Mi stupisce che il Dott. Corrà non menzioni minimamente l?aggressione avvenuta a Bassano durante la parata,ma forse non c?é cura che egli sappia suggerire contro la violenza e simili.
Mattia Stella
D.E.L.O.S.-Gruppo GLBTEQ Vicenza

Comunicato stampa del 29/06/12

Riportiamo di seguito il Comunicato Stampa rilasciato dal nostro Mattia Stella come rappresentante di D.E.L.O.S. in merito alle polemiche relative al Pride di Bassano del 30 P.V.


Mattia Stella, D.E.L.O.S. – Gruppo Glbteq Vicenza – È importante essere presenti al Bassano Pride affinché sia la libertà di tutti a sfilare per le vie della città. Sabato pomeriggio le polemiche ed i proclami dei giorni scorsi saranno ormai alle spalle di di un corteo nato per rivendicare il diritto ad essere famiglia e per richiedere nei fatti la lotta contro le discriminazioni per genere ed orientamento sessuale. Il corteo sarà composto non solo dai rappresenti della comunità LGBT, ma saranno con noi anche giovani, donne e famiglie che pacificamente si muoveranno tra le vie di una una città che tanto ha dato per il rispetto della libertà nel nostro Paese.

Sarà utile da lì inviare un forte segnale alle Istituzioni affinché affrontino presto annose questioni che segnano la vita quotidiana di milioni di persone, evidenziando la nostra intenzione ad essere parte attiva e non disposta ad accettare imposizioni o scelte di comodo, perché, come ci ricordò lo stesso Pasolini: «La libertà concessa dall’alto è una falsa libertà».

Ordinanza per il riconoscimento

Riportiamo un articolo pubblicato sul Corriere Veneto in data 14 Aprile a seguito della consegna delle circa 3000 firme raccolte dal comitato Dir.Vi. con la petizione a favore della certificazione della famiglia Anagrafica.
Achille Variati con le firme

Coppie di fatto, Variati avanti tutta «Ordinanza per il riconoscimento»

Famiglia affettiva, in Comune 3mila firme per chiedere l’attestato. Il sindaco salta i passaggi in Consiglio: «E’ un’estensione di diritti che non mina il matrimonio»

Di seguito il video del Telegiornale di TVA Vicenza relativo alla stessa notizia (Vedere dal minuto 8:38)